Continuate a seguirmi!

Volete continuare a seguire le mie avventure Down Under e in giro per il mondo? Volete scoprire se otterró questo benedetto PhD? Siete ansiosi di vedere se troveró finalmente un lavoro nel mio campo? Continua a leggere “Continuate a seguirmi!”

L’ABC dell’Australia

Pensate di conoscere l’Australia? La conoscete davvero? Se dico A a cosa pensate? E dire Australia non vale! 🙂 Ecco allora la mia Australia dalla A alla Z!

A come ADELAIDE
La mia prima casa in Australia, che ha dato i natali a mio marito e dove ancora vive la sua famiglia. Se volete sapere di più su questa graziosa cittadina, leggete qui!

Continua a leggere “L’ABC dell’Australia”

Un libro in valigia – “Into the wild”

Eccomi al secondo appuntamento della mia rubrica Un libro in valigia. Oggi voglio presentarvi un libro che sicuramente in molti conoscerete già, anche perchè ha inspirato l’omonimo film molto famoso nel 2007. Si tratta di “Into the Wild” (titolo italiano “nelle terre estreme”) di Jon Krakauer. E’ la storia di Chris McCandless, giovane neolaureato che a 22 anni, dopo aver tagliato i ponti con la famiglia e aver donato in beneficienza i $25.000 che aveva in banca, parte alla volta del Far West americano prima di sbarcare in Alaska per la sua “ultima grande odissea”. Continua a leggere “Un libro in valigia – “Into the wild””

Liebster Award 2016 Edition

Se siete dei blogger o seguite dei blog, avrete sicuramente sentito parlare del Liebster Award un riconoscimento per i blog più apprezzati da parte degli altri blogger. Ed è anche un modo per conoscere nuovi blog o per scoprire qualcosa di più sui blogger che già seguiamo. E così ho ricevuto con piacere la nomina da parte di Cris, che seguo sempre con molto piacere, e che ringrazio. Ed eccovi le mie risposte alle sue domande per questo Liebster Award travel edition. Continua a leggere “Liebster Award 2016 Edition”

Girl power

Bionda, minuta, carina, femminile e delicata. Dall’aspetto fisico non le daresti una lira come ricercatrice e attivista. Poi la senti parlare e la mandibola ti crolla. Lei, bionda e minuta, che si trova egualmente a suo agio a vivere tra i guerriglieri nella giungla della Colombia, nel nord dell’Iraq o in un sobborgo di Londra. Lei, per cui il concetto di casa, diversità e di distanza assumono un significato tutto particolare. Lei, pronta a partire per nazioni come il Gabon o il Kirghizistan non perchè ci sia qualcosa in questi paesi che lei voglia vedere a tutti i costi, ma perchè di questi paesi non sa niente e vuole scoprire cosa possano offrirle. Lei, che è il mio mito. Lei è Johanna.

Continua a leggere “Girl power”

Ladri di bambini

Forse ricorderete che qualche mese fa sono andata a fare un weekend a Canberra e in quell’occasione avevo visitato il National Museum of Australia. Uno degli oggetti che più mi avevano toccato durante la visita era il Kinchela Boys Home Gate, ovvero il cancello di un instituto per bambini aborigeni e isolani dello stretto di Torres che furono allontanati dalle loro famiglie da parte governo australiano e missioni religiose. Questo cancello è il simbolo della Stolen Generation, un fardello che l’Australia si porta dietro da decenni ma che vorrebbe bellamente dimenticare. Ed è proprio di questo che voglio parlarvi oggi.

La Kinchela Boys Home è una delle più conosciute (e dalla peggiore reputazione) case per bambini aborigeni di tutto il New South Wales, in funzione dal 1924 al 1970. In quasi mezzo secolo ha ospitato 400 bambini, e nonostante sia stata spesso lodata pubblicamente per il benessere e la felicità dei suoi bambini, purtroppo la realtà era tutt’altro che rosea. Continua a leggere “Ladri di bambini”